ENOVIN LYSO

Il lisozima è un enzima ampiamente distribuito tra gli organismi viventi come meccanismo di difesa antibatterica. La sua azione consiste nel rompere le pareti cellulari dei batteri Gram-positivi, compresi i batteri lattici (Oenococcus, Pediococcus e Lactobacillus).

Stile di vino

, , , ,

Obbiettivo

Vegano

Ecologico

CARATTERISTICHE

Il lisozima è un enzima ampiamente distribuito tra gli organismi viventi come meccanismo di difesa antibatterica. La sua azione consiste nel rompere le pareti cellulari della
Batteri Gram-positivi, compresi i batteri lattici (Oenococcus, Pediococcus e Lactobacillus).

Il lisozima non è attivo contro i batteri Gram-negativi, come i batteri dell’acido acetico, perché la loro struttura della parete cellulare è diversa e più resistente. Non ha alcuna attività sui lieviti e quindi non influisce sulla fermentazione alcolica.

L’efficacia del lisozima dipende non solo dal tipo di batterio, ma anche dal numero di cellule batteriche presenti nel terreno di coltura.
A differenza dell’SO2, il lisozima è più efficace a pH elevati, quando la crescita dei batteri lattici è più favorita.

APPLICAZIONE

  • Inibizione della fermentazione malolattica nella produzione di vini rossi e bianchi giovani per preservare l’acidità.
  • Ritardare la FML dopo la fermentazione alcolica nella vinificazione in rosso, consentendo di lavorare con la micro-ossigenazione.
  • Stabilità microbiologica della popolazione batterica dei vini rossi dopo la fermentazione malolattica, riducendo la dose di SO2 utilizzata durante la conservazione del vino.
  • Il trattamento di arresto della fermentazione evita il consumo degli zuccheri del mosto da parte dei batteri lattici (amido lattico) e riduce il rischio di aumento dell’acidità volatile.

DOSAGGIO

Stabilizzazione dopo la FML: > 15 g/hl

Insorgenza ritardata della FML: > 25 g/hl

Blocco della FML: 50 g/hl

 

Ti potrebbe interessare…